Dieta e PatologieSalute e Benessere

Sindrome dell’Ovaio Policistico: Fa ingrassare? Ecco la Dieta giusta da seguire

Che cosa è l’Ovaio Policistico? 

La policistosi ovarica, nota anche come Sindrome dell’Ovaio Policistico (PCOS) è una malattia delle ovaie che rappresenta un comune disordine endocrino nelle donne. Colpisce circa il 5 % della popolazione femminile ed è una delle principali cause di infertilità.

Quali sono i suoi sintomi?

E’caratterizzata principalmente da:

  • Mestruazioni assenti o scarse
  • Segni di iperandrogenismo (acne, incremento della peluria, infertilità),
  • Insulino-resistenza e iperinsulinemia compensatoria
  • Obesità: il 35-60% delle donne con PCOS è obesa e presenta insulino-resistenza e il 40% potrebbe avere problemi di diabete a 50 anni.
  • Distribuzione del grasso prevalentemente a livello addominale (grasso viscerale) sia nelle donne obese che in quelle normopeso.
  • E’ frequente il riscontro di bassi valori di colesterolo HDL, il colesterolo “buono”, di alti valori di colesterolo LDL, il colesterolo “cattivo”.
  • Eventuali problemi di ipertensione arteriosa.

Con l’Ovaio Policistico si tende ad ingrassare? Quale è la dieta più corretta da seguire?

La dietoterapia costituisce quindi il primo approccio terapeutico nella donna obesa con PCOS.

La riduzione del peso, infatti, migliora il profilo endocrino e aumenta la probabilità di ovulazione e quindi di gravidanza. Perdere, infatti, appena il 5% del peso ha effetti positivi sulla resistenza insulinica, tolleranza ridotta al glucosio e sindrome metabolica.

Attualmente, nessuna dieta è universalmente accettata come più efficace di altre, quindi ogni caso viene valutato singolarmente.

Tuttavia, dato lo stretto legame tra la PCOS  e insulina-resistenza sembrerebbe intuitivo proporre delle diete a basso indice glicemico, le quali sembrerebbero maggiormente efficaci per il trattamento delle donne con PCOS ed eccesso ponderale.

Le pazienti con sindrome dell’ovaio policistico hanno grosse difficoltà a perdere peso e questo le rende suscettibili a complicanze importanti come il diabete e le malattie cardiache.

Una dieta povera in grassi e con cibi a basso indice glicemico come pesce, frutta, vegetali e legumi unita ad un moderato esercizio fisico migliora tutti i sintomi della sindrome dell’ovaio policistico. La dieta da sola, dunque, può offrire molti benefici soprattutto nella gestione della glicemia, del peso e del profilo mestruale. Tuttavia, se la dieta è associata ad un moderato e costante esercizio fisico il conseguimento del risultato soprattutto per quanto riguarda il profilo mestruale e la fertilità, è molto più rapido. E’ curabile nella maggior parte dei casi. La paziente con ovaio policistico può avere ancora una gravidanza, a volte naturalmente, a volte con aiuto.

Mostra di più...

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close