BEVANDE A TAVOLA

Energy Drink: stimolano corpo e mente. Ma quali sono i rischi?

Negli ultimi anni in Italia ed, in generale, nel resto del mondo si è registrato un boom impressionante caratterizzato dall’incrementato consumo di bibite denominate “Energy Drinks”, bevande energetiche, analcoliche, contenente sostanze stimolanti. Gli Energy drinks sono diventati i protagonisti di un nuovo modo di consumare l’alcool. Non a caso tra i giovani, ma non solo, l’assunzione di cocktail a base di Energy Drink e alcolici (soprattutto superalcolici), è oggi una moda molto diffusa nell’ambito delle discoteche e/o aperitivi vari. Lo scellerato abbinamento di energy drink ed alcol è pericoloso perché riduce la percezione dello stato di ebbrezza, ma non il livello di intossicazione alcolica. Inoltre può dare una falsa sensazione di sobrietà molto pericolosa, ad esempio, per chi si mette alla guida. Pertanto, una sommaria descrizione con delle brevi considerazioni sui pro e contro delle medesime bevande è da considerarsi necessaria a scopo informativo.

Gli Energy Drinks sono bibite “innocue”?

“L’apparenza inganna” è proprio vero. A prima vista sembrano semplici ed inoffensive bibite gassate, come la tradizionale coca-cola, aranciata o cedrata, dai nomi altisonanti: tante bollicine ed un piacevole sapore dolciastro, rifinito da una invitante e vistosa lattina colorata. Purtroppo, tale somiglianza con le consuete bibite gassate trae in inganno molti individui, che spesso e volentieri “dimenticano” di ingerire una bibita ricca di sostanze enormemente eccitanti per il sistema nervoso. Attenti a non fare confusione con gli sport drink, i quali non contengono stimolanti, bensì sali minerali e zuccheri vari, destinati principalmente alla reidratazione dopo un intenso esercizio fisico.

La più venduta ed offerta dalla grande distribuzione tra le varie energy drinks è in assoluto la Red Bull. Probabilmente la fortissima pressione pubblicitaria, rivolta per lo più ai giovani con evidenti e specifici riferimenti ad un uso sessuale ha avuto i suoi benefici in termine di visibilità e vendite del prodotto stesso. Oltre alla caffeina, la Red Bull contiene come ingredienti principali l’aminoacido taurina e il glucuronato. Circola anche una leggenda sulla Red Bull, secondo la quale la taurina viene estratta direttamente dai testicoli dei tori o dallo sperma bovino. Come ogni leggenda metropolitana, prende spunto da un fatto vero, poiché effettivamente tale sostanza è stata scoperta nella bile del toro, da cui il nome, ma come viene riferito dal sito ufficiale “la taurina contenuta in Red Bull Energy Drink è una sostanza interamente sintetica prodotta da compagnie farmaceutiche, e non è di derivazione animale né contiene componenti animali”.

Le aziende produttrici presentano l’energy drink come uno stimolante energetico fisico e mentale che migliora le prestazioni, la capacità di reazione e di concentrazione, la soglia di attenzione, aumenta la sensazione di benessere e stimola il metabolismo. Tuttavia questi effetti non sono effettivamente certificati, ma solo dichiarati dal produttore. Quel che è certo, come dicevamo prima per l’intera categoria di bibite, è che la bevanda è stata pensata per stimolare il cervello delle persone sottoposte a un grande sforzo fisico e mentale e non per essere consumata come una bibita rinfrescante.

Attenzione agli usi impropri: per concentrarsi prima di studiare o affrontare un esame, per trarre maggiore sicurezza in ambito sessuale con il proprio partner, per apparire più sicuri in ambito lavorativo, per divertimento e finalità ludiche, per rinfrescarsi dopo un intenso allenamento e/o per realizzare cocktail miscelati con alcol.

Quali sono gli ingredienti degli  Energy Drinks?

Ad oggi non esiste un ingrediente o una formula base necessaria a definire la bevanda energetica in quanto tale; esistono tuttavia una serie di sostanze, riscontrabili nelle svariate ricette presenti spesso in alte concentrazioni. Tra queste possiamo ricordare:

  • acqua e principalmente carboidrati (glucosio, saccarosio, malto destrine)
  • metilxantine (caffeina), presenti spesso in alte quantità (lievemente superiori o equivalenti agli 80-85 mg di una tazzina di caffè e decisamente superiori ai 23 mg di una classica Coca Cola)
  • vitamine del gruppo B ed inositolo (coinvolto nella regolazione della serotonina, quindi dell’umore)
  • carnitina, creatina
  • taurina: sostanza classificata come amminoacido. L’essere umano non è capace di sintetizzare questa molecola, viene quindi introdotta tramite alimentazione. Ha le capacità di regolare il battito cardiaco e di aumentare la contrattilità muscolare, attenuando la sensazione di fatica.
  • glucuronolattone,(altro carboidrato) sostanza inventata dal dipartimento della difesa degli USA negli anni sessanta per contrastare l’elevato livello di stress a cui erano sottoposti i soldati impegnati in guerra in Vietnam, effetto che si potrebbe riscontrare bevendo Red Bull caldo
  • ingredienti vegetali, quali guaranà (contenente altra caffeina), ginseng, e ginkgo biloba. Il ginseng ha svariate proprietà benefiche: aumenta la concentrazione, migliora le capacità muscolari, aiuta nel recupero seguente ad un intenso sforzo fisico e rafforza le difese immunitarie. Se assunto in dosi massicce può portare ad irritabilità, eccitazione, iperattività, tremori e, nei casi più gravi, a emorragie.
  • regolatori di acidità (citrati di sodio, carbonato di magnesio)
  • anidride carbonica, aromi e coloranti (quali caramello e riboflavina)

Esistono versioni dietetiche degli Energy Drinks?

Assolutamente si. Addirittura molti marchi internazionali propongono, affiancate alle formule originali, versioni dietetiche delle medesime bevande, con relativo impiego di edulcoranti.

In che quantità possono essere consumate, senza arrecare danni alla salute?

Noi professionisti della Salute raccomandiamo, come sempre, moderazione nell’assunzione di questo genere di bevande . Bere saltuariamente una lattina non comporta alcun pericolo. Già consumando due lattine, però, incappiamo in un ulteriore aspetto negativo di queste bevande: l’apporto calorico. Data la consistente presenza di zuccheri e carboidrati, un energy drink possiede un apporto calorico di circa 150 – 200 kcal. In particolare è consigliato non assumerli insieme a bevande alcoliche perchè inibendo la sensazione d’ebrezza, permettono di assumere una dose maggiore di alcool senza subirne immediatamente gli effetti. Se non riuscite a farne a meno, ricordate solo di bere quantità moderate e in modo responsabile, così da non trasformare un piccolo piacere in un grande problema.

Mostra di più...

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close