Una professione troppo sedentaria e poco dinamica oppure, al contrario, un impegno lavorativo che obbliga a stare in piedi per troppo tempo può realmente compromettere la circolazione sanguigna delle gambe.

Ecco alcuni consigli pratici per favorirla circolazione e avere gambe leggere.

  • Se si sta in piedi cambiare spesso posizione, per evitare il ristagno della circolazione negli arti inferiori. Se si ha la fortuna di trovare un appoggio tipo un gradino è di grandissimo aiuto, per simulare una sorta di movimento.
  • Ridurre la quantità di sodio assunta ogni giorno. In Italia, facciamo un uso smodato di sale e ne introduciamo circa il doppio delle quantità raccomandate. Infatti, bisognerebbe assumere massimo 5 grammi di sale al giorno (che corrispondono a circa 2 grammi di sodio). Il sodio è contenuto pressoché ovunque e il solo modo per diminuirne il consumo, è imparare a cucinare utilizzando le erbe aromatiche e le spezie al posto del sale.
  • Bere aiuta a ridurre la ritenzione idrica, favorendo sia l’eliminazione dei liquidi in eccesso e delle scorie (tossine) sia il corretto funzionamento di intestino e microcircolo.
  • Mangiare regolarmente i frutti di bosco (mirtilli, lamponi e fragole), che favoriscono la microcircolazione capillare, rinforzano le pareti dei vasi sanguigni. Vanno bene anche integratori a base di vitamina c, polifenoli e resveratrolo, contenuti appunto nei frutti di bosco. 

Quali soni i benefici dei mirtilli?

Questi frutti di bosco dal colore blu riattivano la circolazione periferica e sgonfiano gambe e cosce, drenano la ritenzione, tonificano i tessuti

La pianta del mirtillo cresce un po’ in tutta Italia, soprattutto nelle zone montane, e produce le sue caratteristiche bacche bluastre nel periodo estivo, in particolare nei mesi di luglio e agosto.
I mirtilli sono tra i più potenti antiossidanti naturali grazie alla ricchezza di vitamina A, C ed E e di antocianine, di cui la più importante è la mirtillina.
Tra le proprietà più vantaggiose per la salute enumeriamo:

1- sono utili per tutti i problemi venosi caratterizzati da pesantezza alle gambe, formicolii, prurito, crampi, gonfiore e varici che possono accentuarsi nel mese di agosto in concomitanza con l’intensificarsi del caldo. La mirtillina e i betacaroteni proteggono il collagene dei tessuti e della pelle dal danno da radicali liberi e migliorano l’integrità dei capillari, i quali in estate sono particolarmente a rischio per il caldo e l’esposizione al sole.

2- favoriscono la diuresi e contrastano la ritenzione idrica grazie al contenuto di acqua e minerali con un effetto sgonfiante piuttosto immediato. Essi inoltre prevengono le infezioni urinarie quali: cistiti, uretriti, particolarmente frequenti d’estate, sia attraverso la stimolazione della diuresi e sia impedendo l’adesione dei batteri alla parete delle vie urinarie.

3- consentono di aumentare le HDL- colesterolo (il ben noto colesterolo buono) nel sangue e quindi di svolgere un’azione protettiva sul cuore e sulla circolazione.

Come beneficiare degli effetti salutari del mirtillo?

  1. COME FRUTTO: la maniera ottimale per trarre vantaggio da tutte le proprietà specifiche del mirtillo è sicuramente quello di consumare le bacche di mirtillo fresche allo stato naturale.
  2. COME SUCCO:  è utile  bere il succo concentrato di mirtillo, preferibilmente centrifugato fresco, nella dose di uno o due bicchieri al giorno a digiuno, lontano dai pasti.
  3. COME INTEGRATORE: mediante una formulazione concentrata di estratto secco di mirtillo contro i gonfiori degli arti inferiori e ritenzione.
  4. COME CONFETTURA PREPARATA IN CASA: è possibile preparare una confettura casalinga ponendo in una pentola due manciate di bacche fresche, un cucchiaio di zucchero di canna e un poco di acqua: porta ad ebollizione e fai raffreddare. Usa la composta sul pane o fette biscottate per la colazione: depura e sgonfia l’intestino.
  5. COME TISANA AI FRUTTI DI BOSCO: La tisana ai frutti di bosco è una delle più buone per il palato. Si dice tisana ai frutti di bosco la miscela che contiene almeno uno dei seguenti elementi: fragole, mirtilli, lampone, mora, ribes, ciliegie, amarene. Anche se le vitamine, gli antiossidanti e i minerali contenuti nei frutti di bosco sono più presenti nel frutto appena colto e fresco, nella tisana ritroviamo comunque, anche se in minima parte, nutrienti come la vitamina C, le vitamine B1 e B2, la vitamina A, il potassio e molteplici antiossidanti. Per questo la tisana ai frutti rossi migliora la circolazione sanguigna e rallenta il processo di invecchiamento.
    L’unica cautela riguarda le fragole, minima rispetto ai benefici, per alcuni soggetti particolarmente sensibili: poiché stimolano l’organismo a rilasciare istamina. Se consumate in dosi massicce, le fragole potrebbero favorire episodi simil-allergici, caratterizzati da orticaria e prurito.
Next Post

Stitichezza: combattiamola a tavola

15 settembre 2017 0
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *